Partenza: sagrato della Cattedrale ore 16,00

Arrivo: via Judica ore 21.00


Un tour in onore della "Santuzza" che andrà alla scoperta dei luoghi nei quali la Patrona è ancora oggi celebrata, ricordata e contemplata. S'inizierà proprio dalla Cattedrale che conserva al suo interno la celebre cappella dedicata alla Santa con l'ultimo urna in argento e il quadro del Velasquez.

Apice del tour è la famosa "acchianata" non a piedi ma a bordo di caratteristiche "ape calesse" che, attraverso l'antica strada denominata "scala", ci condurranno al Santuario che conserva la suo interno l'antica grotta dove trovò riparo la Santa.

A conclusione si visiterà  il Capo, cominciando da piazza Monte di Pietá, per visitare i luoghi che ricordano la Patrona iniziando dalla Via Panneria dove, al numero 12, si trovava la casa di Vincenzo Bonello, il cacciatore che confermò l'originalità delle reliquie di Monte Pellegrino e a cui sin dal 1624 venne eretta un'edicola votiva.

 In questo rione la «Santuzza» è oggetto di devozione: le lam­padine sull'altarino sono accese notte e gior­no  e si  al­lestisce un altare a baldacchino con drappi di seta rossa, si accendono lumini giorno e notte, si sparano botti e si celebrano messe. Tutto questo fa della festa nel quartiere del Monte di Pietà una sorta di originale «Festino nel Festino».