PALAZZI IN MUSICA: una serata tra arte e musica a Palazzo Conte Federico.

GIOVEDI 8 DICEMBRE, 17:30

Costo: 17 € (visita, concerto e rinfresco) - Ragazzi 7/14: 12 €

Infoline: 380.6523494

 PRENOTA SUBITO.  

Uno straordinario appuntamento serale per rendere unica e speciale una domenica novembrina. Prima la scoperta di uno dei palazzi antichi più belli di Palermo, Palazzo Conte Federico, attualmente dimora privata della famiglia, con i suoi splendidi saloni e la suggestiva Torre Medievale.

A condurci all'interno di Palazzo Conte Federico vi saranno i padroni di casa, il Conte Alessandro e la contessa Alwine Federico che ci racconteranno la storia della loro dimora con le sue decorate sale: la “sala blu”, e la sala degli stemmi con magnifici soffitti a cassettoni lignei dipinti, risalenti al XV secolo e la la Galleria del ballo dove è custodito un pianoforte a coda, che nel 1882 Wagner suonò durante il suo soggiorno palermitano. Questo salone, nell’ottocento in particolare, ospitò riunioni massoniche come è visibile dall'affresco a soffitto il Trionfo della Purezza tra le Virtù sul Tempo di Gaspare SerenarioSaliremo anche nella Torre Busuemi, una delle torri medievali della città, adesso inglobata nel palazzo, in cui respireremo tra armature e decorazioni, un’epoca antica ma quanto mai vicina. 

A fine visita, ci accomoderemo presso il gran salone da ballo con l’orchestrina "Angelo Daddelli & I Picciotti" interpreta brani cantati e strumentali di genere Folk Music Revival Siciliano. Brani che evocano sonorità europee e arabe appartenenti a nazioni che si affacciano sullo stesso mare della Sicilia e che sono state parte delle culture di quegli imperi che hanno governato per secoli l'isola, portando spesso in campo artistico innovazione e raffinatezza. L'organico è composto soltanto da strumenti acustici quali chitarre classiche e acustiche, contrabbasso, mandolino, "friscalettu" (chiamato anche zufolo, frischiettu, a seconda della provincia o, in italiano, "flauto dolce di canna siciliano"), tamburelli, cembali ("cianciane"), cajòn ("casciuni"), fisarmonica e marranzano (più comunemente conosciuto come scacciapensieri).